"Rifugio Pradidali"

Altezza

2280 mt.

Tempo percorso

2:30 h

Gruppo montuoso

Gruppo Pale di San Martino, Val Pradidali

Località

Primiero-San Martino di Castrozza

Descrizione:

Storico rifugio alpino nel cuore delle Pale di San Martino, nei pressi di un magnifico laghetto, costruito nel 1895 dall’DOeAV sezione di Dresda quando il Trentino Alto Adige era ancora parte del Tirolo storico e del grande Impero Austro Ungarico, dopo gli avvenimenti bellici della prima guerra mondiale passa in proprietà alla sezione di Treviso del CAI che ne è tuttora proprietaria e che ne cura varie ristrutturazioni anche recenti. É importante punto di appoggio e riferimento per numerose ascensioni di ogni difficoltà tra le quali spicca la magnifica “fessura Buhl” alla cima Canali, forse la piú bella via aperta dal grande alpinista tirolese nella sua carriera, ma anche altre molte vie classiche di media ma anche di alta difficoltà aperte dai grandi alpinisti del 900 e dal mitico Manolo. Il rifugio è anche punto riferimento per le ferrate Porton, Velo e la piú facile “Nico Gusella”, nonchè posto tappa dell’ Alta via delle Dolomiti nr.2 , l’alta via delle leggende e di altre alte vie quali Il “Palaronda trek” nelle sue varie versioni, e dell’ultimo arrivato, il “Park2Trek Dolomites” un trek che percorrendo le ultime tappe dell’alta via 2, ma al contrario, collega i territori di 2 parchi, il parco nazionale Dolomiti Bellunesi con il vicino parco di Paneveggio Pale di San Martino, due territori di alta montagna con caratteristiche uniche. Numerose possibilitá di percorsi in quota e giri ad anello che collegano i rifugi vicini, il rifugio Pedrotti alla Rosetta, il rifugio Velo della Madonna, e il rifugio Canali - Treviso.

Come arrivare:

Due gli accessi classici al Pradidali, da Fiera di Primiero verso la Val Canali, al ristorante albergo “la Ritonda” si lascia la macchina e si percorre il sentiero nr.709 in magnifico ambiente Dolomitico soprastato dall’altissima parete del Sass Maor in 2.30-3.00 ore si raggiunge il rifugio, oppure da San Martino di Castrozza salendo in quota con gli impianti delColverde-Rosetta, dal vicino rifugio Pedrotti-Rosetta 2 possibili percorsi ci possono portare al Pradidali in ore 2.00-2.30.

Escursioni principali:

TRAVERSATE & PERCORSI

Numerosi sono i percorsi possibili,oltre alle vie ferrate che collegano il rifugio Pradidali al rifugio Velo della Madonna,e ai collegamenti con il rifugio Canali-Treviso e al Rifugio Pedrotti alla Rosetta, sono possibili vari percorsi ad anello di varia difficoltà: giro della Pala di S.Martino, anello della cima Canali passando per il bivacco C. Minazio, anello della cima di Ball e il grande percorso circolare attorno alla cima della Madonna e il Sass Màor passando per il rifugio al Velo parte in ferrata, mà per tutti questi mini-trek saremo lieti di fornirvi direttamente info chiamando il telefono del rifugio 0439 64180 o il cell. del di Duilio 3482455732, oppure mediante mail a pradidali@libero.it
Giro della pala di San Martino: classica escursione di media difficoltà nel cuore del gruppo delle Pale, fattibile in giornata o in 2 giorni con pernottamento al Rif. Pradidali. Salita con la telecabina e la funivia Rosetta da S.Martino di Castrozza, passando per il Rif. Pedrotti e proseguendo lungo il sentiero 709 sull'altopiano fino al passo Pradiali basso. Si scende poi per la val Pradidali fino all'omonimo rifugio, dal quale si risale brevemente al passo di Ball. Si percorre il breve tratto attrezzato lungo il sentiero 715 per poi scendere per la Val di Roda fino a san Martino di Castrozza. Giro possibile anche in senso contrario.

LE ASCENSIONI

Campanili e cima di Val di Roda, cima di Ball, campanile Pradidali, cima e torre Pradidali, Pala di San Martino, cima Immink, cima Wilma, e la stupenda cima Canali.
Tutte raggiungibili per le vie normali con difficoltà che arrivano al massimo al 3° grado, o per tutte le altre vie con difficoltà dal 3° al 7° grado aperte da personaggi famosi nella storia alpinistica dolomitica: i pionieri Bettega, Zagonel, Dimai, Rizzi, il bolzanino Langes, i tedeschi Solleder, Rossi, Simon, Wissner, in seguito Castiglioni e Detassis, Franceschini, Soldà fino ai moderni Casarotto e Manolo e le varie generazioni di Guide Alpine che si sono succedute negli oltre cento anni di alpinismo di cui il rifugio Pradiali è stato testimone. 
Tra le vie di alta difficoltà spicca su tutte per eleganza la classica fessura Buhl alla Cima Canali, forse la più bella via aperta dal grande Hermann Buhl nella sua carriera alpinistica.

 

Rifugi Vicini

Rifugio Rosetta

"Rifugio Rosetta"

Pale di San Martino

Altezza: 2581 mt

guarda scheda
Rifugio Velo della Madonna

"Rifugio Velo della Madonna"

Pale di San Martino

Altezza: 2358 mt

guarda scheda

"Rifugio Pradidali"

Primiero San Martino di Castrozza (Trento)
Telefono:

+39 0439 64180

Cellulare:

+39 3482455732

Pernottamento
e colazione

€ 6,50 - 32

Mezza pensione
con colazione

€ 33 - 53

Apertura:

 Aperto dal 20 Giugno a fine Settembre

Posti ristoro interni/esterni:

70 interni 8 esterno

Camere / Posti Letto / Bagni:

62 posti letto

Gestione / Proprietà:

 Gestore Guida Alpina Duilio Boninsegna via Dolomiti 8, Imer (TN), proprietà sezione di Treviso del CAI.