"Rifugio Carlo Franchetti"

Altezza

2433 mt.

Tempo percorso

1:0 h

Gruppo montuoso

Gran Sasso d’Italia

Località

Vallone delle Cornacchie

"Rifugio Carlo Franchetti"

Pietracamela (Teramo)
Telefono:

+39 0861959634

Cellulare:

+39 3332324474

E-mail:

lucamazzoleni@rifugiofranchetti.it

Pernottamento
e colazione

€ 27,5 (17,5 per i soci CAI)

Mezza pensione
con colazione

€ 46 (36 per i soci CAI)

Descrizione:

Il rifugio Carlo Franchetti è situato in bellissima posizione nel cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso. Edificato sul finire degli anni ‘50 dalla sezione romana del C.A.I. è stato inaugurato nel 1960. Costruito interamente in pietra calcarea e rivestito in legno sorge a 2433 m. di quota su uno sperone roccioso, al centro del Vallone delle Cornacchie. Stretto tra le pareti del Corno Grande e del Corno Piccolo offre un magnifico panorama sulle dolci colline dell’Abruzzo teramano fino al vicino mare Adriatico. Il rifugio Franchetti con le sue ridotte dimensioni mantiene lo spirito originario del rifugio di una volta, con un contatto diretto tra i frequentatori e chi vi vive e lavora.

Come arrivare:

L’accesso più rapido al rifugio è da Prati di Tivo utilizzando la Cabinovia fino alla Madonnina 2015 m circa. Da qui 1 ora di facile e panoramico sentiero conduce al Franchetti. Dalla Madonnina si può anche salire per la ferrata Pier Paolo Ventricini che aggira il versante nord del Corno Piccolo, ne scavalca le Spalle e attraverso la Sella dei Due Corni si affaccia dall’alto sul Vallone delle Cornacchie; di qui in pochi minuti si scende al rifugio. Altrimenti si può traversare dall’Albergo di Campo Imperatore per la Sella di Monte Aquila, la Sella del Brecciaio ed il Passo del Cannone (EE, ore 2.30/3.00).

Escursioni principali:

Dal rifugio numerosi itinerari salgono con facili sentieri, vie ferrate o vie alpinistiche di varia difficoltà le cime che al Vallone delle Cornacchie fanno corona. Prima tra tutte la Vetta Occidentale del Corno Grande 2912 m, la più alta e la più facile, poi la Vetta Orientale 2903 m, un poco più difficile ma con un panorama fantastico, quindi la difficile Vetta Centrale 2893 m. Infine ma non ultimo il Corno Piccolo con le sue pareti solcate da un’abbondanza di vie d’arrampicata di ogni difficoltà.

Apertura:

 estiva: da inizio giugno a fine settembre – invernale: su prenotazione per gruppi organizzati ed esperti

Posti ristoro interni/esterni:

24 interni – 24 esterni

Camere / Posti Letto / Bagni:

2 camerate, 23 posti letto, 1 bagno

Gestione / Proprietà:

 gestore Luca Mazzoleni – proprietà Sezione di Roma del Club Alpino Italiano